fbpx

Cessione del Quinto: quali documenti occorrono?

documenti fondamentali per la cessione del quinto

La cessione del quinto è un finanziamento non finalizzato che prevede la restituzionedel debito attraverso rate che transitano direttamente sul cedolino paga, che sia di stipendio o pensione. La rata massima applicabile è pari al 20% dello stipendio netto percepito (ovvero 1/5 della retribuzione)

Ma cerchiamo di capire insieme quali documenti occorrono per procedere alla richiesta di questo finanziamento.

Sicuramente le prime cose che ci occorrono sono i documenti identificativi. Non sottovalutiamo mai questo aspetto poiché questi, che sicuramente abbiamo sempre con noi nel portafoglio, devono essere perfettamente leggibili ed in corso di validità. Non devono essere sbiaditi e strappati  e ovviamente devono rientrare in una specifica lista che tutte le banche e finanziarie hanno redatto in  maniera universale.

Una volta verificata l’integrità dei nostri documenti identificativi, passiamo alla documentazione reddituale.

Per i dipendenti di amministrazioni pubbliche, statali e private avremmo bisogno delle ultime due buste paga, dell’ultimo cud percepito e delle coordinate Iban per il saldo. Nel caso in cui in dipendente privato aderisca ad uno specifico fondo pensione complementare, servirà anche un estratto aggiornato (ricordiamoci che il TFR per i privati andrà a garanzia del prestito).

Per i pensionati invece occorrerà fornire gli ultimi due cedolini pensione, il modello Obis M, l’ultimo cud e anche in questo caso l’evidenza delle coordinate Iban.

In entrambi i casi, se andremmo ad estinguere una precedente operazione di Cessione del V, sarà opportuno fornire anche una copia del contratto di questo finanziamento.

Ma come facciamo a capire la rata massima che possiamo sostenere?

Occorre un documento che viene chiamato “certificato di stipendio” per quanto riguarda i dipendenti e la “quota cedibile” per i pensionati. Viene richiesto direttamente dalla società finanziaria con una delega firmata dal cliente. In questa certificazione redatta dall’amministrazione del personale o dall’ufficio pensioni vengono indicate tutte le voci fisse e continuative che formano il reddito netto percepito. Da qui viene calcolato appunto il “quinto” massimo di cui possiamo usufruire. 

Solitamente le tempistiche per l’emissione di questo documento sono di circa 7 giorni lavorativi per i dipendenti. Per i pensionati invece, grazie alla specifica convenzione che la nostra banca possiede, viene ottenuto in pochi minuti.

Come vedi basta davvero poco per fa si che la tua richiesta venga accolta. 

Categories
Cessione del quinto