fbpx

Aumento stipendio docenti, tabelle e ruoli più ambiti nella pubblica istruzione

L’aumento dello stipendio per gli operatori della pubblica istruzione è un tema che riguarda sia gli insegnanti che il personale ATA. Quali sono le ultime notizie e le evoluzioni del contratto collettivo nazionale di lavoro in questo settore così importante per il nostro paese?

L’aumento dello stipendio per i docenti è centrale per chi opera nella pubblica istruzione. Gli insegnanti e il personale ATA cercano un contratto a tempo indeterminato perché l’impiego in questo settore permette di ottenere una serie di benefici indiscussi.

Come un trattamento di riguardo per i prestiti NoiPA dedicati ai docenti. In questi casi è possibile avere dei finanziamenti agevolati, con cessione del quinto dello stipendio.

Aumento stipendio docenti, tabelle e ruoli più ambiti

Ma è vero che c’è bisogno di una riflessione per individuare le posizioni migliori nel settore dell’istruzione, verificare le tabelle per gli aumenti dello stipendio degli insegnanti e scoprire come si muove il mondo delle retribuzioni per gli impiegati del settore scuola. Questo per adeguare gli stipendi al caro vita che oggi diventa più incisivo a causa dell’inflazione.

Quali sono le tabelle degli stipendi?

Ecco gli schemi per avere un’idea dello stipendio netto relativo ai professori di ruolo dei vari gradi di insegnamento – scuola infanzia/primaria, secondaria, scuola media e docenti laureati di scuola superiori – con data luglio 2022. Qui sono indicati i valori in euro (fonte dei dati).

Aumento stipendio docenti di ruolo infanzia e primaria

Anni di servizioStipendio netto
0-81.489,64
9-141.593,10
15-201.712,75
21-271.801,36
28-341.925,06
351.982,33

Aumento stipendio docenti di ruolo della secondaria

Anni di servizioStipendio netto
0-81.495,61
9-141.600,02
15-201.721,10
21-271.855,67
28-341.970,75
352.029,18

Aumento stipendio docenti di ruolo secondaria media

Anni di servizioStipendio netto
0-81.576,60
9-141.703,68
15-201.834,13
21-271.937,45
28-342.056,79
352.123,35

Aumento stipendio docenti di ruolo secondaria superiore

Anni di servizioStipendio netto
0-81.576,60
9-141.734,39
15-201.873,87
21-272.008,94
28-342.123,36
352.184,34

Come si può intuire da queste tabelle con gli stipendi dei docenti, le posizioni più ambite si muovono su due direttrici: l’età per cui si percepisce uno scatto retributivo a ogni scaglione legato agli anni di servizio; il tipo di istituto presso il quale si insegna.

In linea di massima, almeno dal punto di vista economico, la posizione più ambita è quella degli istituti superiori con un buon numero di anni passati dietro la cattedra.

Di quanto aumenteranno le retribuzioni?

Nelle tabelle hai gli stipendi docenti divisi per scaglione di età. Le notizie prevedono un aumento a prescindere da tipo di istituto e anni di servizio per allineare le retribuzioni al costo della vita. Per i docenti erano previsti aumenti da 102 a 123 euro lordi e 88 euro per il personale ATA. In sintesi, c’è un aumento di circa 50 – 60 euro netti in busta paga.

Date per l’aumento dello stipendio

Docenti e personale ATA dovrebbe percepire l’aumento dello stipendio con il rinnovo del contratto collettivo nazionale del lavoro che dovrebbe avvenire a dicembre 2022.

Ovviamente dopo l’iter burocratico di approvazioni ministeriali. Purtroppo ancora non ci sono date certe a causa del continuo rimando di scadenze legate al cambio di governo.

Qual è il contratto attualmente in vigore?

Per avere un riferimento chiaro del CCNL relativo ai docenti e al personale ATA bisogna consultare il documento risalente a diversi anni fa, al biennio 2016 – 2018. Questo documento regola anche gli stipendi di professori, insegnanti e personale amministrativo, tecnico e ausiliario degli istituti e scuole. Puoi trovare il file qui www.aranagenzia.it.

Categories
Categorie: Notizie per insegnanti

Redazione

Prestito NoiPA è il punto di riferimento per i dipendenti della pubblica amministrazione che cercano un riferimento chiaro rispetto alle ultime novità e le informazioni relative a dipendenti pubblici, insegnanti e militari in servizio o dipendenti presso le Forze Dell'Ordine.